Passa ai contenuti principali

LA FIAMMA DELL’ARTE

Questa mostra è prima di tutto una festa: con queste 50 opere si vogliono festeggiare i 50 anni di Cagliostro e celebrare l’anniversario dei 50 anni dalla morte di Ligabue. Cagliostro omaggia Ligabue e lo fa con la solita vulcanica spontaneità, due pittori primitivi il cui lavoro trasuda espressività e sentimento. 50 è il numero magico di questa esposizione, cabala di un vero e proprio processo alchemico.
In queste 50 tele, il cui formato non a caso è 50per50, Cagliostro trasforma ogni pennellata in vita, vita che genera vita, si sente il respiro delle creature dipinte che ci osservano curiose, figure misteriose che vivono in bilico sulla superficie, uno scorpione con la coda tesa, un riccio appuntito e sornione, animali notturni nascosti nel bosco della nostra immaginazione. Queste opere ci ricordano che l’arte non deve essere originale, semmai originaria, nel senso che compito dell’artista non è stupire a tutti i costi ma andare a fondo della memoria e dell’esigenza di esprimersi, riportare a galla le pulsioni dimenticate del nostro animo naif, risvegliare le nostre coscienze sempre più sopite e anestetizzate dalla noia e dalla routine. Ecco: i quadri di Cagliostro ci ricordano di essere vivi, che ognuno di noi è un essere unico; i segni e i colori impressi con tocchi di pennello decisi e vivaci risvegliano lo sguardo dell’osservatore e dalla retina mandano impulsi sia al cervello che al cuore. Gli sfondi a tinta unica (giallo, ocra, rosso, verde, viola…) sono il ring in cui il pittore mette in scena la sua inesauribile fantasia. Questa pittura colpisce per l’immediatezza, è una bomba che esplode dentro lo sguardo rigenerandolo. Finché, all’improvviso, si ritorna bambini. Non dimentichiamoci che dietro la creazione c’è sempre l’istinto, siamo animali anche noi, proprio come quelli dipinti da Cagliostro, che al minimo rumore scattano rapidi come le sue pennellate. Sembra di sentirlo il raptus creativo che muove questi lavori, l’ispirazione che rende le pennellate così veloci e sicure. Ho conosciuto Cagliostro qualche tempo fa. Sono andato a trovarlo ad Urbisaglia e abbiamo subito  cominciato a parlare con grande slancio. E’ un uomo spontaneo come la sua pittura, mi ha raccontato della sua necessità di dipingere, delle belle sensazioni vissute grazie all’arte, ci ha tenuto a precisare di non essere un uomo di cultura ma solo un pittore che sta bene dipingendo. Ebbene a un certo punto osservando le sue tele disposte lungo il tavolo ho cominciato a riflettere su Ligabue, Dubuffet, Scipione, Licini, Cucchi e mi sono detto che il bisogno di fare arte è istintivo, mica culturale, nel senso che l’arte supera la cultura perché la trascende. Per dirla con Cassirer, siamo animali simbolici che diventano esseri umani nel momento in cui creiamo simboli. Mi è venuto anche da pensare che in fondo l’arte è una fiamma accesa dentro la coscienza dell’uomo; questa fiamma può essere un fuoco che avvampa o un lumicino che ci fa strada nella storia, poco importa, l’importante è che non si spenga e che ci accompagni per tutto il viaggio della nostra vita. Dall’uomo preistorico che faceva graffiti nelle caverne all’artista contemporaneo, fino a un lontano futuro che possiamo soltanto immaginare. Il filo dell’arte non si spezza mai, ce lo dimostrano le opere che abbiamo oggi davanti agli occhi. Potrebbe capitare che, osservando con attenzione le tele di Cagliostro, dopo poco meno di cinque secoli ci si trovi davanti allo stesso identico gatto dell’Annunciazione di Lorenzo Lotto e magari proveremo una strana sensazione di stupore e familiarità. Quel gatto è l’ennesima prova che la fiamma dell’arte è ancora accesa, c’è solo da sperare che questa fiamma continui a fare un po’ di luce sulla complessità della nostra sempre più fragile esistenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Silvia CARLOROSI /Cosimo Ortesta: La Rinascita della Parola nell’Attimo Poetico/

L’Ombra di un mondo esterno si avvicina
radice che dal ventre e dalla mente cressce nuda fraterna lingua contro l’esperienza del giorno. Le sue costellazioni luminose e fredde sono presaio di amori incerti di fiocchi di neve, bufere incandescenti, e al centro del campo azzurro la pioggia roteando fa notte estiva, quiete e calma, in cui si chiude assonnata e ferita un’altra perfezione. Cosimo Ortesta Serraglio Primaverile (1999).





Cosimo Ortesta nasce a Taranto nel 1939 e la sua prima pubblicazione risale al 1977, con il componimento “La passione della biografia” apparso nei Quaderni della Fenice (diretti da Gianni Raboni). Solo un paio di anni più tardi Ortesta darà alle stampe la sua prima raccolta: Il Bagno degli Occhi (1980), seguita da La Nera Costanza (1985) e Nel Progetto di un Feddo Perenne (1988). Come si può notare anche solo dal titolo dell’ultima opera, queste tre raccolte costituiscono un continuum in cui l’autore esplica il proprio progetto poetico. Partendo da una percezione…
MANIFESTO IPERESPRESSIONISTA
Ovunque nello spazio e nel tempo, dal paleolitico al postumano, l’uomo è stato, è, e sempre sarà un animale simbolico che attraverso una atavica volontà di trasformare le emozioni in simboli afferma la propria identità, esprime i propri stati d’animo, sublima la propria umanità. Dal reperto di Tan Tan, passando per le grotte di Chauvet e Altamira fino ai giorni nostri, lo tsunami evolutivo non ha scalfito la profonda pulsione dell’essere umano di interrogarsi attraverso un’arte che esprima, o meglio iperesprima la propria contraddittoria natura. 

L’iperespressionismo frantuma tutte le sovrastrutture sociali e politiche della storia e rimette al centro l’uomo, le sue pulsioni primigenie, le sue origini, la sua visceralità, la sua umanità. Il simbolo iperspressionista è di forte impatto emotivo, a volte accompagnato dalla violenza del gesto espressivo, meditatamente istintivo. L’artista iperespressionista usa voracemente i materiali e letecniche per la sua ric…
LE COSE CHE PARLANO 
In un quaderno di appunti, Ingmar Bergman annota e fa dire a un suo protagonista: “ogni giorno vivo di stupore. Ho bisogno di luci, di alberi, di eternità della natura”.



La pittura di Fosco Bertani conosce solo la teologia del verde e della luce. Alla radice della sua arte c’è la contemplazione della realtà.
Dice: “Non guardo la mia mente per dipingere”. Si è accorto di un livello delle cose che con la filosofia non aveva scoperto: una vibrazione nella realtà che sembra parlare di una unità profonda e che Fosco rincorre in ogni suo quadro, in ogni pennellata, tutte le volte che prepara un colore. La sua realtà tende alla sintesi, a un punto di sintesi. Ecco l’unità profonda che si sciogliein sfumature, che dà un’emozione non definibile perché le cose sono contemporaneamente più cose.